Midda's Chronicles - il Diario

lunedì 12 gennaio 2015

11 gennaio 2008 - 11 gennaio 2015: tanti auguri, Midda!


Beh… sette anni e quarantacinque avventure complete… mica male, no?!
Ora. Dopo i pessimi risultati dell’ultimo anno, di cui ho già avuto modo di fare autodenuncia, probabilmente non dovrebbero esserci molte ragioni per esaltarsi… ma… capiamoci…
- il ciclo di Conan, del Sommo Robert Ervin Howard, si compone di diciotto storie, pubblicate fra il dicembre del 1932 e l’ottobre del 1936, più altre tre storie purtroppo postume e quattro rimaste incompiute;
- il ciclo dei Pirati della Malesia, dell’Immenso Emilio Salgari, si compone di undici libri, pubblicati, in parte in episodi, fra il 1883 e il 1913;
- il ciclo di John Carter da Marte, del Potente Edgar Rice Burroughs, si compone di dodici libri, pubblicati, in parte in episodi, fra il febbraio 1912 e il febbraio del 1943.
Insomma… sono ancora, evidentemente e indubbiamente lontano dai risultati dei Divini, ma, ciò nonostante, un pezzetto alla volta, un passo dopo l’altro, Midda sta cercando la propria strada. E lo sta facendo (purtroppo non posso più dire “ininterrottamente”… sic!) da ben sette anni. Sin da quell’ormai lontano 11 gennaio 2008.

In sette anni, Midda e io ne abbiamo viste molte.
A volte è stata ella a trovarsi più in difficolta… altre volte sono stato io ad arrancare. A volte è stata ella ad avere necessità di un aiuto da parte mia (!)… altre volte sono stato io a implorare il suo soccorso.
Dopo sette anni, comunque, al di là di momenti di gloria, così come di parentesi di crisi, quello che mi sento di poter dire con certezza è che, fra noi, si è instaurata una bella amicizia, una forte complicità, un indubbio legame.
Credete che io sia innamorato di Midda? Beh… in fondo lo sapete: chiunque la incontri, non può evitare, almeno un po’, di infatuarsi di lei. E dal momento che, da sette anni, ho avuto la fortunata occasione di esserne il principale cronista quasi ineluttabile non avrebbe potuto che essere considerata l’eventualità di una cottarella.
Un po’, in fondo, come è accaduto a Seem, il suo ex-scudiero, il quale, giusto in occasione di questo settimo compleanno, è tornato estemporaneamente protagonista di un episodio speciale celebrativo, dal titolo Sette modi per uccidere. Uno per vivere, che vi invito ovviamente a leggere.

Detto questo… sette anni non sono pochi. Ma ancora molti altri, io spero, attenderanno Midda e il sottoscritto.
Appuntamento, quindi, già a domani mattina con il proseguo regolare della quarantaseiesima avventura della Figlia di Marr’Mahew. E appuntamento a fra altri dodici mesi per festeggiare, insieme, il prossimo compleanno!

Con un grazie sincero a tutti coloro che, da sempre, hanno creduto in quest’opera…


11 gennaio 2008 - 11 gennaio 2015: tanti auguri, Midda!

0 commenti: