Midda's Chronicles - il Diario

venerdì 10 dicembre 2010

Ehy... ma domani...


... e
sce il nuovo libro di Midda!

Wow... rimanda oggi, rimanda domani, mi sono del tutto dimenticato di ricordarvelo... ma, domani è l'11 dicembre 2010, data fissata (dopo lunghi rimandi) per l'uscita de Il collezionista di sassi (e altre storie), terzo volume della saga di Midda's Chronicles.

In questo nuovo appuntamento vi saranno offerti, come ormai consuetudine, quattro racconti completi e autoconclusivi, scritti nei primi sei mesi del 2009.
Attendetevi, in edizione riveduta, corretta e arricchita dalle ormai immancabili tavole di Giuliana Lagi, di rileggere:

- Il collezionista di sassi
- La sposa del sultano
- La fortezza fra i ghiacci
- Assassinio nella città del peccato

Tanti nuovi personaggi, tanti nuovi avversari, tanti nuovi scenari... e, ovviamente, la nostra eroina di sempre: Midda Bontor!

Ad arricchire il volume, in questa occasione, è presente anche un'esclusiva Prefazione dono degli amici della Locanda della Terra di Altrove, che vi riporto per intero qui a seguire, tanto è bella e persino eccessiva per me!

Caro Lettore,

probabilmente stai iniziando questo libro perché hai già letto le precedenti raccolte delle Midda’s Chronicles, oppure perché sei un fan della blog novel nella quale le avventure prendono quotidianamente vita o forse, ancora, perché ti è stato raccomandato da qualcuno che ha conosciuto Midda prima di te. In realtà non ha importanza come tu sia arrivato ad avere questa raccolta tra le mani, l’importante è che tu la legga.

Sean ha uno stile di scrittura unico, te ne accorgerai subito, appena iniziata la prima pagina di questo volume. Quella che stringi è l’opera di un vero artista della parola: la sua precisione e la sua padronanza linguistica lo rendono un affabulatore di tutto rispetto. Dalle righe le immagini prendono forma e raggiungono il lettore con la nitidezza di un quadro. Ogni nuova pagina rinnova lo stimolo a voler concretizzare la situazione e a soffermarsi su ogni personaggio fino ad averlo ben chiaro in mente.
Sean non narra solamente le avventure di Midda, no, Sean ti catapulta direttamente al fianco della sua mercenaria in piena battaglia. Il clangore delle spade che cozzano tra loro, i respiri affannati dei personaggi, le imprecazioni di Midda... tutto straordinariamente realistico tanto che ti sorprenderai a voltarti, durante la lettura, per assicurarti di non avere il nemico alle spalle. Ti perderai in descrizioni, duelli, ballate, tratteggiate con mano sapiente e capace di dare alla mente abbastanza elementi per ricostruire quel mondo fantastico che ti permetterà di estraniarti e ti resterà dentro per un bel po’...

Cosa aspetti dunque? Immergiti nelle avventure di Midda Bontor, mercenaria dagli occhi di ghiaccio. Seguirne le gesta ti trasporterà in un... film a colori! Sean non si limita a scrivere, lui disegna le parole e tu, Lettore, non leggerai le avventure di Midda: tu le potrai vedere e vivere!

A noi, Viandanti della Terra di Altrove, è stato offerto l’alto onore di scrivere questa prefazione per il terzo libro del nostro amico Viandante Sean MacMalcom, il cantore di Midda Bontor, la guerriera mercenaria che ormai da oltre due anni e mezzo cerca di sopravvivere, giorno dopo giorno, nell’universo fantasy sword & sorcery da lui creato.
E a noi, Viandanti della Terra di Altrove, è stata donata la gioia di godere della compagnia quotidiana del cantore di Midda che ogni sera, giunto in Locanda, siede a un tavolo appartato - nel suo “angolino” come è solito chiamarlo - e si immerge nella scrittura.
Ora, quando noi Viandanti pensiamo a Midda, non possiamo non rivedere Sean MacMalcom seduto in silenzio a quel tavolo, la sua incredibile costanza, la sua instancabile dedizione, la sua unicità.

A Sean il nostro grazie per la sua presenza discreta e gentile e per la sua amicizia preziosa.
A Te, Lettore, buona lettura e... buon viaggio nell’avventuroso mondo di Midda Bontor!

Gli amici della Locanda della Terra di Altrove
http://www.terradialtrove.it/


Grazie, grazie, grazie e ancora grazie per tanto onore!

Immancabile appuntamento, poi, sono i miei soliti video promozionali per l'uscita di un nuovo libro.
Questa volta sono addirittura tre (in verità due, ma uno è diviso in due parti a causa di 40 secondi di troppo per YouTube): il primo ripropone la presentazione di cui sopra, mentre il secondo/terzo un estratto dal volume in questione letto - in mancanza di meglio - dal sottoscritto.







Grazie a tutti per l'attenzione... e a domani con il terzo libro!

martedì 9 novembre 2010

Sconti, sconti, sconti!


C
ome forse non tutti sanno, i prezzi di copertina delle pubblicazioni cartacee di Midda's Chronicles non hanno da intendersi qual l'applicazione di una mia qualche arbitraria autodeterminazione a tal riguardo. Alla base del concetto stesso di Lulu.com (che fonde self publishing con print on demand), infatti, è quello di lasciare sì libero arbitrio all'autore sul prezzo finale di copertina, ma solo a partire da una base minima costituita dai costi necessari per la carta, la copertina, la rilegatura e la pubblicazione del libro stesso, costi che anche un autore, acquistando il libro per proprio conto, è comunque tenuto a pagare.
Personalmente non ho mai desiderato guadagnare da quest'opera (almeno fino a quando si manterrà nei termini attuali... in futuro chi può dirlo?!) e, per questa ragione, l'unico margine di guadagno mai posto sui prezzi delle pubblicazioni cartacee di Midda hanno da intendersi quali l'euro destinato alla beneficenza verso i Tibetan Children Villages, grazie alla collaborazione con Yeshe Norbu. Un piccolo gesto, probabilmente più retorico che pratico, al quale ho voluto tuttavia associare questa iniziativa autoeditoriale... e che si riproporrà, puntuale, anche in occasione dell'uscita del terzo libro il prossimo 11 dicembre.

Ma perché riprendere ora questo discorso dei prezzi? E perché intitolare questo intervento con un riferimento a possibili sconti?!

Perché, in grazia di un'iniziativa di Lulu.com volta a incrementare le vendite nel mercato europeo (nei confini del quale, purtroppo, è per esempio attualmente escluso l'utilizzo di carta riciclata che porterebbe un notevole margine di risparmio), i costi di produzione legati alla carta sono stati oggi abbassati nell'ordine di un 10% circa... ribasso (forse solo temporaneo, spero tuttavia definitivo) che mi ha permesso, pertanto, di proporre un equivalente sconto sul prezzo di copertina di entrambi i volumi cartacei mantenendo inalterato l'utile da devolvere in beneficenza!

Per questo, da oggi e non so fino a quando, su Lulu.com potrete trovare in vendita:
- Il tempio nella palude (e altre storie) non più a 20,00 euro, ma a 18,00 euro, per un risparmio di 2,00 euro (10%);
- Condannata (e altre storie) non più a 22,00 euro, ma a 19,80 euro, per un risparmio di 2,20 euro (10%).

Un piccolo risparmio, ma che spero potrà essere apprezzato anche e soprattutto nel confronto con gli attuali prezzi di mercato di libri di grande e media editoria, che per un similare formato (stiamo sempre parlando di 618 e 688 pagine!) , non propongono poi valori inferiori a questo.

Grazie a tutti per l'attenzione...

martedì 7 settembre 2010

Ieri, oggi, domani


C
ari lettori,

(wow... che esordio!)

E' la prima volta che mi permetto di scrivervi in maniera tanto formale... una sorta di lettera aperta attraverso la quale, innanzitutto, ringraziarvi e, poi, cercare di fare un punto della situazione sulle "Midda's Chronicles".

Chi non è nuovo alle pagine del mio sito, chi ha già avuto occasione di sentirmi raccontare la storia dell'origine di quest'opera, ben saprà come essa è nata in un momento particolarmente delicato della mia vita, qual frutto di un desiderio di ribellione nei confronti di molte realtà per lungo tempo, per troppi anni tollerate, e, alla fine, non più accettate, non solo riconducibili a cause esterne, ma, ancor prima, a me stesso. "Asservito" al desiderio di compiacere il prossimo, avevo smarrito coscienza di me, di quanto io potessi desiderare, di quanto io potessi volere e, soprattutto, di ciò che veramente fosse in grado di farmi sentire appagato, realizzato, felice. In un simile scenario, le "Cronache" si sono proposte come primo segnale, non tanto un grido di rabbia, quanto, piuttosto, una controllata, seria e decisa, dichiarazione di intenti, se non di guerra.
Così ho iniziato a scrivere solo per me stesso, disinteressato all'eventualità di essere letto o non letto, di essere apprezzato o disprezzato, nella sola volontà di fare qualcosa per me, e non per Tizio, Caio o Sempronio. Una scelta, quella compiuta, che, nel corso di questi anni, si è dimostrata comunque apprezzabile e apprezzata, da chi ha scoperto, per vie più o meno traverse, la mia opera e, con mia grande meraviglia, non solo l'ha letta e giudicata positivamente, ma, ancora, si è impegnato persino a sostenerla. Molti nomi, molti volti, che spero di aver ogni volta ringraziato, fra i quali, ultimi ma non meno importanti, gli amici della "Locanda della Terra di Altrove", i quali sin da subito mi hanno accolto con un vivo entusiasmo tale da risultare per me quasi imbarazzante e che, nel corso del tempo, mi hanno praticamente "adottato", offrendomi in ciò un impagabile supporto quotidiano.

A breve sarà concluso il ventunesimo racconto di questa grande avventura e, con esso, il quinto (ipotetico) libro cartaceo di raccolta di questo moderno feuilleton. Un traguardo che, in effetti, si pone particolarmente prossimo al raggiungimento dei mille episodi pubblicati con cadenza giornaliera, alla pubblicazione cartacea anche del terzo volume, in incredibile ritardo rispetto alle previsioni iniziali, nonché al terzo anniversario dall'inizio dell'opera. Un traguardo che, ancor più, assume significato dal momento in cui rappresenta un vero e proprio "giro di boa" per la prima grande saga di Midda, come è indicato dallo stesso titolo "Punto di svolta". Come più volte ho avuto occasione di ripetere, infatti, sebbene composta da racconti autoconclusivi e più indipendenti possibile gli uni dagli altri, a concedere a chiunque di poter iniziare a leggere la storia in qualsiasi momento senza recuperare tonnellate di arretrati, la storia possiede una continuity interna e, ancor più, un filo conduttore, una macro-trama che, almeno così spero, troverà la propria conclusione con la conclusione del quarantunesimo racconto, corrispondente alla conclusione del decimo volume cartaceo.
Non vi sia tuttavia alcun timore nell'assistere ai grandi cambiamenti che stanno avvenendo e che ancora avverranno nella vita della nostra cara amica. Alcuni vecchi compagni purtroppo sono morti e moriranno, mentre dei nuovi faranno sicuramente la loro comparsa, così come i nemici non mancheranno mai di alternarsi sul suo cammino: il tempo, inesorabile, deve trascorrere anche il mondo in cui ella vive e ignorare tutto ciò significherebbe solo tradire l'autodeterminazione intrinseca di un universo che non è mai stato scritto, ma solo descritto. In tutto ciò, dove una saga è pur destinata a chiudersi, un'altra avrà allora inizio, perché, per quanto mi riguarda, Midda e il suo mondo non sono legati a particolari vincoli narrativi, non sono limitati al compimento di una qualche "quest"... e sino a quando la nostra mercenaria preferita non deciderà di chinare il capo innanzi al fato, mio continuerà a essere l'onore e il piacere di cantarne le gesta.

Quasi tre anni sono trascorsi dall'inizio delle "Midda's Chronicles" e, al Cielo piacendo, spero che almeno altri trenta possano ancora trascorrere in questo stesso modo, con una pubblicazione online quotidiana e ininterrotta. E... chissà... magari un giorno possa anche giungere qualche piacevole novità capace di rendere più semplice ed economico per chiunque giungere alle raccolte cartacee di questa lunga saga rispetto all'attuale autopubblicazione su Lulu.com.

Un sincero grazie a tutti voi, e un inevitabile grazie a Midda, per essere colei che è!

Sean MacMalcom

venerdì 23 aprile 2010

Ninna nanna di Midda


U
na settimana da Dio, con Jim Carrey è stato un film molto carino, divertente, a tratti irriverente e pur mai volgare. Devo confessare, però, che molto più di Una settimana da Dio, è riuscito a raccogliere il mio consenso il suo sequel: Un'impresa da Dio. Un proseguo che, per una volta tanto, non ha cercato di sfruttare beceramente il successo del primo film, quanto, piuttosto, di rimettere tutte le carte in tavola con un prodotto completamente diverso e, quindi, anche una morale decisamente diversa.
La morale di Un'impresa da Dio, in verità, è sottolineata in maniera esplicita nel dialogo finale fra il protagonista, Evan, e Dio, con l'Onnipotente che asserisce: « Vogliono cambiare il mondo e non sanno da dove iniziare. Vuoi sapere come si fa, figliuolo? Con atti di reale, cortese affetto. »

Cosa c'entra tutto questo con Midda?!
Beh... la questione è molto, molto semplice: questa sera sono stato fortunato destinatario di un bellissimo atto di di reale, cortese affetto!

Quando nel 2008 ho iniziato questa mia avventura con le Midda's Chronicles ho voluto farlo come regalo per me stesso, senza pretese di sorta se non quella, molto semplice, molto banale, di potermi divertire, di riservarmi un'occasione quotidiana di svago in qualcosa che mi piacesse veramente.
Dal 2008 a oggi (e spero ancora per molto tempo) nulla di tutto questo è mai cambiato: ciò nonostante, in questi ultimi mesi, una novità inattesa e imprevista ha avuto modo di sorprendermi, nell'affetto sincero che mi è stato dimostrato da parte di un gruppo di persone nella Locanda della Terra di Altrove, un nome che già ho avuto modo di citare in diverse occasioni in questa sede negli ultimi tempi.
Tanti sono i gesti di gratificazione che ho avuto e ho ancora occasione di ricevere da parte loro ogni giorno, in un'approvazione incredibile per la mia opera che non mi sarei mai atteso, che non avrei mai creduto possibile (parliamoci chiaro: sino a oggi non è che abbia avuto reale trasparenza della presenza di molti lettori interessati a Midda e, ancor meno, ho avuto modo di ricevere particolari feedback sull'edizione cartacea della medesima salvo poche, rare eccezioni a conferma della regola). Approvazione che mi è stata riconosciuta con l'invito a partecipare a diverse occasioni di incontro anche con altri veri autori; approvazione che mi è stata riconosciuta con una festa in onore delle Cronache in occasione del loro secondo anniversario lo scorso gennaio; approvazione che mi è stata riconosciuta con la scelta di una lettura collettiva che ha visto il primo volume cartaceo qual protagonista coinvolto e che mi ha visto donate incredibili recensioni che mai avrei immaginato di poter leggere. Approvazione che, ancora, questa stessa sera è stato ancora una volta ribadito, nuovamente sottolineato, in un dono inatteso e inattedibile, una breve poesia che è stata pubblicata nel forum, sotto il titolo Ninna nanna di Midda, ispirata, nelle parole del suo stesso autore, dalla lettura della sesta avventura (prima del secondo volume) della nostra eroina, Condannata, nella quale egli si sta lasciando coinvolgere in questi stessi giorni, nel ribadirmi la fiducia già concessami con la lettura del primo tomo.

Avendo ricevuto il permesso a ripubblicarla, è ora con grandissimo onore e incommensurabile piacere che vi presento la Ninna nanna di Midda, a opera de Il Prenna (al quale, ovviamente, ogni diritto su quanto segue è riservato © qui nella sua versione originale), viandante e amico della Locanda della Terra di Altrove.

Ci accompagnano in questa sera
le grandi gesta di una donna guerriera
che con il suo sguardo di ghiaccio
e il metallo nel suo braccio
è della furia il cupo riflesso
bella e terribile al tempo stesso.

Grazie, Prens, per questo bellissimo dono!

Purtroppo, nonostante usualmente sia particolarmente "ispirato", neppure nel Garzanti Linguistica riesco a trovare migliori parole per esprimerti la mia sincera gratitudine e l'emozione derivante da tutto questo...

domenica 7 marzo 2010

Midda Bontor dal vivo!


Q
uesta sera, in occasione di una grande festa nella Locanda della Terra di Altrove, la nostra mercenaria di fiducia è stata invitata, straordinariamente, a uscire dalle pagine delle proprie cronache per potersi concedere al pubblico, incontrando eventuali fan, rispondendo a domande e quant'altro può accadere in un simile evento.


Ovviamente, accettando per lei tale onore, non posso che rigirare a chiunque l'invito a non mancare alla festa e alla tavola rotonda dei personaggi, per non perdere quest'occasione di incontrare "dal vivo", Midda Bontor.

Qui potrete trovare maggiori informazioni sulla festa...
... mentre qui la tavola rotonda del personaggi (a partire dalle 22 circa).

Non mancate!

giovedì 4 marzo 2010

Cont@tti


C
ome forse avrete notato, una nuova voce si è aggiunta all'ormai già ricco menu del nuovo sito di Midda's Chronicles: Cont@tti.

Più volte mi è stato chiesto come mai non avessi pubblicato un indirizzo mail o un form per offrire una possibilità di contatto, sia all'epoca in cui questo era solo un singolo blogghino, sia, con il passare del tempo, quando c'è stata l'evoluzione in sito vero e proprio, articolato in diverse sezioni.
La risposta a tale domanda è stata sempre e solo una: per chiunque mi avrebbe voluto contattare, i commenti ai post del blog sarebbero stati sicuramente la forma più rapida e diretta di contatto possibile...

In effetti non ho cambiato opinione rispetto a prima, ma dopo lunga riflessione ho deciso che, forse, offrire una qualche possibilità di contatto diretto, non attraverso commenti sparsi ai post, sarebbe potuta essere una scelta più saggia e meno menefreghista nei confronti di eventuali esigenze di questo genere.
Perciò, ecco a disposizione di tutti un elegante form per scrivere a me, o anche a Giuliana Lagi, in qualsiasi momento, con messaggi generici, commenti o domande specifiche, segnalazione di eventuali problemi o qualsiasi altra amenità possa essere di vostro interesse...

Ovviamente non posso promettere risposte immediate, ma cercherò di essere sempre il più rapido possibile nel concedere replica a ogni questione.

Grazie a tutti per la fiducia e l'interesse dimostratomi in questi anni...

sabato 6 febbraio 2010

www.middaschronicles.com si rinnova!


A
nno nuovo... sito nuovo!

Se nel 2009 mi sono regalato il dominio www.middaschronicles.com, nel 2010 ho deciso di regalarmi anche un sito associato a quel dominio, tale da estendere la struttura già esistente formata dai tre blog Cronache/Enciclopedia/Diario!
E, nel fare questo, ho approfittato anche per introdurre qualche novità che spero vorrete apprezzare...

Iniziamo dalla nuova Home Page del sito (www.middaschronicles.com):


Minimale ma completa, la nuova Home Page offre il volto 3D della nostra eroina preferita, e definisce, in maniera netta e immediata, le 5 grandi sezioni in cui l'intero sito (o, meglio, il grappolo di siti) andrà a dipanarsi:
- le Cronache
- il Diario
- l'Arte
- le Pubblicazioni
- l'Enciclopedia

Ma andiamo in ordine... e iniziamo con le Cronache (www.middaschronicles.com/cronache o middaschronicles.blogspot.com):


Questo ovviamente già lo conoscete: dall'11 gennaio 2008 ha spesso cambiato volto ma il concetto è sempre lo stesso!
Il cuore di tutto il sito, ha sempre ospitato e continuerà ad ospitare (ancora appoggiandosi a Blogger a cui sono affezionato) il blog delle Cronache di Midda, con i suoi aggiornamenti quotidiani, per ampliare ogni giorno il già vasto mosaico di questa epopea fantasy sword & sorcery.

Accanto a questo, ovviamente, non mancherà il Diario (www.middaschronicles.com/diario o middaschronicles-diario.blogspot.com):


Il Diario, a metà fra blog di servizio e blog personale del sottoscritto, continuerà a offrire i propri aggiornamenti sporadici con informazioni relative a nuove pubblicazioni, eventi e quant'altro collegato al mondo delle Cronache di Midda, affiancato, come già da tempo, al Twitter (twitter.com/seanmacmalcom) per i "flash d'agenzia"...

Completamente inedita, è invece la sezione dedicata all'Arte (www.middaschronicles.com/arte):



Come specifica la sua stessa presentazione: "E' con sommo piacere che, quindi, al talento e all'operato quotidiano di Giuliana Lagi ho deciso di dedicare questo spazio, nel quale - saltuariamente... non chiedetemi di preciso ogni quanto! - pubblicherò immagini a oggi totalmente inedite e che tali sarebbero state altrimenti destinate a restare, nella riservatezza di un voluminoso raccoglitore rosso e giallo..."
Una magnifica galleria (attualmente abbastanza scarna, ma nel tempo sempre più popolata) di immagini inedite legate al mondo delle Cronache di Midda, per apprezzare il lavoro presente, passato e, perché no?, futuro di Giuliana Lagi!

Piccola sezioncina a sua volta nuova è quella dedicata alle Pubblicazioni (www.middaschronicles.com/pubblicazioni):



Pensata per presentare in una sola pagina tutte le informazioni utili nel merito delle pubblicazioni rivedute e corrette di Midda's Chronicles, questo angolino verrà aggiornato in occasioni di nuovi rilasci cartacei ed eBook, per poter ritrovare comodamente ordinate tutte le informazioni del caso!

Un grande restyling, infine, è quello che ha coinvolto l'Enciclopedia (www.middaschronicles.com/enciclopedia):



Sezione a dir poco fondamentale, l'Enciclopedia desidera essere il primo Wiki ufficiale delle Midda's Chronicles, con schede su ogni personaggio, divinità, creatura, luogo e molto altro ancora connesso all'universo delle Cronache di Midda.
Come ben spiegato nella prima pagina: "in origine, l'Enciclopedia era stata pensata come un secondo blog da affiancare a quello principale. Purtroppo, però, dal giorno della propria creazione, è stato suo malgrado estremamente trascurato, e in un periodo addirittura trasformato in un contenitore di informazioni che, successivamente, è stato separato a dar vita al Diario.
All'alba del terzo anno di vita delle Midda's Chronicles, ho deciso di provare un netto rilancio dell'Enciclopedia , trasformandola da semplice “blog” a “wiki”… e in questo, in effetti, offrendole una forma probabilmente più idonea per il genere di informazioni che dovrebbe andare a contenere.
Ci riuscirò? Solo il tempo potrà dirlo!"

Le Cronache... il Diario... l'Arte... le Pubblicazioni... l'Enciclopedia!

Non uno... non due... ma cinque volti per un solo grande universo.
Cinque siti in un solo sito per offrire, a tutti coloro che a tutto questo hanno deciso di offrire la propria fiducia, una nuova occasione di poter meglio apprezzare l'opera e tutto il lavoro connesso alla stessa!

Buon divertimento... e grazie a tutti per l'entusiasmo che mi state donando e che mi sta spingendo a cercare di dare sempre di più!

martedì 12 gennaio 2010

Midda's Chronicles - eBook


A
un anno esatto (ieri) dalla pubblicazione del primo volume cartaceo di Midda's Chronicles, e grazie alle nuove offerte di Lulu.com per la vendita di eBook con la tecnologia Adobe Digital Editions, Il tempio nella palude (e altre storie) rivive da oggi in una nuova - ed economica - versione eBook, la cui vendita, naturalmente, continuerà a cointribuire alla raccolta fondi in collaborazione con Yeshe Norbu Appello per il Tibet o.n.l.u.s. a favore dei bambini dei Tibetan's Children Villlages.

Con il costo contenuto di soli 4 euro (comprensivi dei costi base per la vendita di eBook su Lulu.com, della gestione dei DRM propria delle Adobe Digital Editions, nonché dei guadagno di Lulu.com sulla "mia" parte di profitto), rispetto ai 20 euro del volume cartaceo, tutto il valore aggiunto rappresentato dal libro rispetto alla versione liberamente scaricabile in PDF dal sito, e che continuerà a restare lì a disposizione di tutti, quali la revisione e la correzione dei testi, nonché le quindici tavole ad opera di Giuliana Lagi e la mappa del mondo di Midda Bontor, è ora a vostra disposizione.
Un'alternativa forse meno piacevole della carta, ma sicuramente di maggior pregio nel confronto con i PDF, fosse solo per il lavoro aggiuntivo che è stato posto dietro a esso.


Perché lo sto proponendo come eBook in questo modo piuttosto che semplicemente distribuire un PDF e bon?
Come ben sapete non è mia volontà ottenere un ricavo dalle Midda's Chronicles, ma ho preso un impegno morale con Yeshe Norbu e i TCV, e non desidero venirne meno. Sarebbe infatti una presa in giro quella di porre un'iniziativa di beneficienza collegata a un libro che (purtroppo) costa 20 euro e che poi può essere ritrovato tranquillamente online pronto per il download.
Dopotutto Midda's Chronicles, nella sua versione originale, è a completa disposizione gratuita in PDF distribuiti addirittura sotto licenza Creative Commons, ragione per cui credo che il valore aggiunto dall'edizione riveduta e corretta, nonché arricchita dalle tavole illustrate, sia meritevole di essere rispettato e, in questo, remunerato.
Vi prego, quindi, di non vedere questa iniziativa con malanimo, cogliendola quale ipocrisia o mancanza di coerenza rispetto a quanto proposto fino a oggi. Anzi... è esattamente l'opposto.

Di Midda's Chronicles, da oggi, esisteranno così due versioni, entrambe proposte in due diversi formati:
- versione "base" gratuita, distribuita con licenza Creative Commons
1. a disposizione per la lettura diretta sul sito www.middaschronicles.com
2. a disposizione per il download in PDF sempre sul sito www.middaschronicles.com
- versione "deluxe" a pagamento, collegata all'iniziativa di beneficenza per i TCV
1. a disposizione in formato cartaceo su Lulu.com
2. a disposizione in formato eBook su Lulu.com

Credo che, a questo punto, si possa considerare davvero di avere una Midda per ogni genere di lettore e di esigenza...


Dove forse non tutti sono confidenti con la tecnologia Adobe Digital Editions (io stesso non lo ero), ecco un paio di dritte per l'uso.

Prima di acquistare l'eBook:
1. andare sul sito Adobe DE (http://www.adobe.com/it/products/digitaleditions/) e installare il programma Adobe Digital Editions, necessario per gestire e leggere gli eBook creati con questa tecnologia;
2. una volta installato Adobe Digital Editions, aprirlo ed effettuare al momento della richiesta la registrazione quale utente (assolutamente gratuita... non chiede particolari dati personali) per poter avere il proprio username/password e poter utilizzare, in questo modo, il programma in modalità personalizzata;
3. una volta registrati sul sito, effettuare il login nel programma.

Come acquistare l'eBook:
1. ovviamente, così come per acquistare la copia cartacea, è necessario iscriversi a Lulu.com (http://www.lulu.com/) anche qui, ovviamente, iscrizione del tutto gratuita;
2. una volta registrati, cercare il prodotto (o cliccare direttamente qui http://www.lulu.com/product/6241426) e cliccare su Aggiungi al carrello;
3. concludere l'ordine e acquistare il prodotto;
4. immediatamente dopo l'acquisto del prodotto, sarà offerto un link per il Download (se necessario, comunque, il link sarà sempre disponibile nel pannello "I miei Download" di Lulu.com): cliccare sul link e fare "Apri con..." avendo già in automatico Adobe Digital Editions come scelta.

Il file è piccolissimo, in effetti, e verrà poi aperto con il programma precedentemente installato.
A questo punto sarà sufficiente attendere pochi istanti per il download vero del libro e si vedrà comparire la copertina di Midda's Chronicles - Il tempio nella palude (e altre storie).

Il libro a questo punto resterà per sempre vostro, per la consultazione anche offline.

In teoria, e dico in teoria perché pur avendolo pagato e provato a mia volta prima di mettervelo a disposizione non ho di certo fatto un'azione di debugging su Lulu.com o su Adobe Digital Editions, gli eBook possono essere riscaricati (in caso di danno al PC o simili) quante volte si desidera dalla pagina "I miei download", venendo distribuiti fino ad un massimo di sei dispositivi (portatili, miniportatili, palmari, pc desktop, smartphone, etc) per acquirente.

Buon compleanno, Midda! (3)


I
l compleanno di Midda è praticamente finito... ma le sorprese non lo sono ancora, tanto da giustificare altri due messaggi in questa sede.

Ieri sera, infatti, la Locanda della Terra di Altrove, all'interno della quale un mese fa ero già stato incredibilmente onorato di poter essere equiparato ad autore "vero e proprio", partecipando a una tavola rotonda con altri autori (di qui ho già parlato qui), mi ha concesso la possibilità di dar vita a una piccola festa virtuale per celebrare l'anniversario delle Cronache, in una serata che non è rimasta priva di momenti di divertimento e grandi sorprese, per me in primis, e poi per qualunque lettore di Midda, con un annuncio offerto in quella sede in anteprima esclusiva per onorare la serata.

Per chi fosse interessato, a questo link è possibile ritrovare il "tavolo" della festa.

Impossibile, in questo, dimenticare tre momenti cardine della sera:
1. la torta che non ho mancato di servire (virtualmente) ai presenti;
2. i doni a sorpresa che ho ricevuto: una bellissima targa e, ancor più, una magnifica Midda in versione manga;
3. il grande annuncio della serata!

In parallelo a tutto questo, inoltre, sono stato onorato di un'intervista esclusiva, che ovviamente non posso mancare di invitare tutti a leggere!

Che dire...

I ringraziamenti a tutti non sono mancati ieri sera, ma inevitabile mi sembra ringraziare nuovamente per l'entusiasmo riconosciutomi, per la fiducia a me proposta in questo forum veramente colmo di cordialità, di serenità, in un clima allegro e familiare, degno della migliore di tutte le locande di qualsiasi opera fantasy.
L'imbarazzo è veramente grande, dove mai avrei potuto pensare di essere accolto con abbracci tanto calorosi, tali da annichilire totalmente ogni pessima esperienza passata, ogni pregiudizio addotto a me e alla mia umile opera...

Grazie davvero a tutti gli amici della Locanda!

lunedì 11 gennaio 2010

Buon compleanno, Midda! (2)


O
kay... è vero... più di un mese fa sono stato io stesso a scrivere alla redazione di FantasyMagazine, annunciando l'imminente anniversario delle Midda's Chronicles.
Quindi, forse, avrei dovuto quasi attendermelo.

Eppure, quando questa mattina ho acceso il PC e sono andato a sbirciare nel sito per qualche aggiornamento fantasy, e ho trovato questa schermata...


... quasi non ci volevo credere!

Proprio lì, poco sotto a Thor, poco sotto a Heroes, poco sotto alla Meyer, ecco fare capolino la copertina del secondo libro di Midda, Condannata (e altre storie).
Inutile sottolineare che quando sono entrato e ho iniziato a leggere l'articolo...


... poco è mancato che non mi mettessi a piangere per la commozione!

"Midda Bontor: donna guerriero per vocazione, mercenaria per professione. In un mondo dove l'abilità nell'uso di un'arma può segnare la differenza tra la vita e la morte e dove il valore di una persona si misura sul numero dei propri avversari uccisi, ella vaga cercando sempre nuove sfide per offrire un senso alla propria esistenza..."
Questa la presentazione delle Cronache di Midda, così come compare sul blog middaschronicles.blogspot.com/ e in effetti il vagare di questa guerriera è stato piuttosto lungo e fruttuoso, visto che le sue avventure raggiungono esattamente i due anni di pubblicazioni in rete con l'11 gennaio.
Le Cronache di Midda compaiono con continuità tutti i giorni dal 2008 e a poco a poco hanno raggiunto una mole considerevole. E' fantasy, sword and sorcery non priva di complessità e di toni intimisti. Divise in quindici racconti, le Cronache sono disponibili sul blog in formato PDF e si può anche acquistare la versione cartacea che di recente ha potuto vantare il secondo volume, Condannata (e altre storie), che viene ad aggiungersi alla prima raccolta, Il Tempio della Palude. La versione cartacea è un'autopubblicazione, che non finanzia comunque l'autore ma una iniziativa di beneficenza.
I racconti sono scritti dalla mano di Sean MacMalcom, pseudonimo portato con decisione, visto che questa è l'unica firma che compare: Sean si inserisce in una comunità di scrittori, i New Wave Novelers, che condividono il formato della blog novel, ovvero della creazione in rete del proprio lavoro, visibile agli occhi degli appassionati che decidono di seguirlo.
Iniziative che nascono dal piacere di scrivere per se stesso, sfide personali che possono anche riuscire a strappare risultato ragguardevole, come questo secondo compleanno di Midda. Complimenti, e cento di questi giorni.

Che dire se non un sentito e sincero grazie tanto a Bruno Bacelli, autore dell'articolo, quanto a tutta la redazione di FantasyMagazine, per questo magnifico dono.

Grazie di cuore...

Buon compleanno, Midda!


N
on ricordo se sia stato il 10 o proprio lo stesso 11, dell'ormai non più recentissimo gennaio 2008.
Quello che ricordo è come, nel rispetto di un proposito riservatomi in quello stesso inizio di anno nuovo, mi ripromisi di iniziare a pensare a me stesso.

Da sempre, infatti, avevo agito cercando di rendere contenti gli "altri", di soddisfare le aspettative di chiunque attorno a me ancor prima delle mie... e questo, purtroppo, alla fine del 2007 mi aveva condotto a ricevere molte spiacevoli mazzate sui denti.
Ma, come Midda stessa insegna, nulla è meglio di una sana mazzata sui denti per apprendere una lezione. E così fu anche per me.

In quel 10 o 11 gennaio, pertanto, decisi di iniziare a creare una serie di strisce a fumetti, da pubblicare con cadenza settimanale su un blog creato ad hoc.
Sdraiato sul letto, con un foglio bianco davanti e una matita azzurra in mano, iniziai a tratteggiare l'immagine di un volto femminile, con corti capelli a caschetto (sì, in origine Midda aveva un look molto simile Valentina di Crepax!) e una lunga cicatrice sull'occhio sinistro. Accanto a tale prima immagine, poi, una seconda, più estesa, che mostrava anche parte del corpo di questa guerriera, con vestiti sdruciti addosso e un braccio ricoperto da un'armatura nera (e, ancora, sì... in origine neanche io avevo idee ben chiare in merito a quell'arto!). La terza immagine, conclusiva della prima striscia, avrebbe infine mostrato la nostra protagonista circondata da zombie e intenta, in ciò, a lamentarsi per non farsi mai pagare abbastanza.
Così nacque Midda Bontor: donna guerriero e mercenaria fin dal suo primo concetto.
Per mia fortuna, all'epoca mi resi conto che, anche tentando di proporla come striscia settimanale, non sarei riuscito a mantenere l'impegno preso, non sarei riuscito a riservarmi il tempo necessario per rispettare le scadenze. E così, deciso a dar vita a quel personaggio, abbandonai la matita, per sedermi al computer e riprodurre in una lunga descrizione quella stessa prima striscia, nel mostrare a parole quanto, altrimenti, avrei voluto mostrare con i disegni.
Quel primo episodio, una sola, lunga, descrizione fisica (qui presente nella sua versione riveduta e corretta in una lettura personale a promozione del primo libro), diede allora origine a un nuovo appuntamento quotidiano, che pur, all'epoca, mai avrei ipotizzato di riuscire a portare avanti per così tanto tempo.

Oggi sono trascorsi due anni da quella prima pubblicazione di Midda's Chronicles.
Due anni che si possono tradurre in settecentotrentuno episodi pubblicati online.
Due anni che si possono tradurre in sedici racconti completi e un diciassettesimo attualmente in fase di scrittura.
Due anni che si possono tradurre in due libri autopubblicati su Lulu.com, edizioni rivedute e corrette di quanto presente online, e un terzo in fase di correzione.
Due anni che, al di là di tutte queste traduzioni, possono essere intesi come l'inizio (perché questo è solo l'inizio) di una meravigliosa avventura, un incredibile cammino nel corso del quale tante sono state le difficoltà, i pregiudizi contri i quali ho dovuto lottare (e continuo quotidianamente a fare), ma anche tanti sono stati gli amici che si sono schierati in mio sostegno.
Due anni di una meravigliosa, incredibile avventura forse non diversa, non meno entusiasmante, dal mio punto di vista, di quelle che ogni giorno vive la nostra Figlia di Marr'Mahew... certamente faticosi, e pur incredibilmente gratificanti.

Grazie a Midda per questi meravigliosi due anni insieme.

Grazie a tutti coloro che in questi due anni hanno voluto essermi vicino, sostenendomi, consigliandomi, incitandomi, criticandomi: a partire con gli amici di New Wave Novelers, per proseguire con Giuliana Lagi, fondamentale illustratrice delle edizioni cartacee, senza dimenticare un elenco pressoché sterminato di nomi e volti che in ogni angolo del Web hanno creduto in me.

Grazie... di cuore!